Site Overlay

Le commissioni di transazione Bitcoin salgono del 550% in un mese, BCH, transazioni Dash molto più economiche

Il costo dell’invio di una transazione attraverso la rete Bitcoin è aumentato notevolmente nell’ultimo mese, poiché il prezzo della valuta crittografica superiore è salito di molto.

Secondo gli ultimi dati dei Bitinfocharts

Secondo gli ultimi dati dei Bitinfocharts, la commissione media per le transazioni bitcoin (BTC) è aumentata del 547% nel mese fino al 6 agosto, passando da 1 a 6,47 dollari.

La commissione è scesa a 2,73 dollari il 9 agosto, ma rappresenta comunque un aumento di circa il 150% rispetto a 30 giorni prima.

Agli utenti di BTC è costato 6,65 dollari l’invio di una transazione sulla blockchain il 20 maggio, appena nove giorni dopo il previsto taglio delle forniture di Immediate Edge. Si tratta delle tariffe più alte raggiunte in tre mesi.

Le tariffe vengono pagate ogni volta che una transazione Bitcoin viene elaborata e confermata da un minatore, che si intasca le tariffe, oltre alla ricompensa in blocco, come entrate.

Come percentuale delle entrate per i minatori di BTC, le tariffe sono arrivate a circa il 12% il 6 agosto, prima di scendere a circa il 6% tre giorni dopo.

I costi di transazione sono principalmente guidati dalla crescente domanda di transazioni di elaborazione attraverso la rete Bitcoin – a sua volta un risultato dell’aumento dei prezzi di BTC.

Le commissioni sono determinate anche

Le commissioni sono determinate anche da altri fattori, come la dimensione della transazione e la difficoltà di estrazione, che sembrano essere tutti più elevati.

Il Bitcoin è salito ad un massimo di undici mesi di 12.000 dollari dopo diverse settimane di prestazioni inferiori ai 10.000 dollari. La rinascita del crypto è vista dagli analisti come un innesco per un rally sostenuto verso un prezzo di 28.000 dollari entro la fine dell’anno.

In confronto, le transazioni elaborate tramite reti a catena di blocco come bitcoin cash (BCH), dash e ethereum (ETH) sono notevolmente più economiche.

Secondo i dati dei Bitinfocharts, le commissioni di transazione BCH sono state in media di soli 0,0069 dollari (o meno dell’1%) al 9 agosto, con un calo del 24% rispetto ai 0,0091 dollari di tre giorni prima. Un mese fa le transazioni in rete costavano $0,0056.

Per il trattino, ogni transazione costava $0,0032 la domenica. La moneta si è mossa solo marginalmente dal 6 luglio, rimanendo al di sotto di 1 centesimo per tutto il periodo.

L’Ethereum, la seconda più grande moneta criptata per capitalizzazione di mercato, ha avuto una tendenza al rialzo quando gli investitori si sono accalcati nell’asset in previsione dell’aggiornamento della rete chiamato Ethereum 2.0, tra le altre cose.

Le commissioni medie degli ETH hanno raggiunto il 253%, passando da 0,55 dollari il 6 luglio a 1,94 dollari ieri.